Il Consorzio

Il Consorzio di Bonifica Tevere e Agro Romano, in particolare, deriva dalla fusione dei Consorzi di Bonifica dell'Agro Romano, di Ostia e Maccarese e della Media Valle del Tevere, e gestisce una superficie totale di circa 500.000 ettari. Il comprensorio ricade nei territori delle Province di Roma, Viterbo, Rieti e Frosinone e comprende 137 comuni. E' esclusa l'area metropolitana di Roma. Nel corso del 1998 e negli anni successivi, inoltre il Consorzio ha provveduto ad escludere dal perimetro contribuente alcune aree urbanizzate di Ostia e Fiumicino, nonchè di Ladispoli - Marina di San Nicola, di Tolfa, Cerveteri - Ceri e Sasso ecc.

Il Consorzio attuale è amministrato dal Consiglio di Amministrazione che attraverso una struttura di circa ottanta collaboratori specializzati, affronta quotidianamente i problemi del territorio curando un notevole complesso di opere di bonifica idraulica costituite da 600 km di canali artificiali, 672 km di corsi d'acqua naturali le cui aste principali hanno i punti di recapito nei fiumi Tevere ed Aniene, ovvero nel Mar Tirreno, 14 impianti idrovori con complessive 57 pompe per una portata complessiva di 62.637 litri al secondo ed una potenza totale di 4.182 kw, 17 impianti irrigui che coprono una superficie irrigabile di 16.014 ettari dei quali 8.720 con canalizzazioni a cielo aperto e 7.294 con canalizzazioni tubate per una potenza complessiva di 3.162 Hp, oltre due acquedotti in località Ostia e in località Maccarese